La malattia di Parkinson è una malattia progressiva che si sviluppa a seguito della morte delle cellule nervose che producono dopamina nel cervello. La dopamina è un messaggero chimico vitale che aiuta a regolare l’attività muscolare. Quando la dopamina è esaurita, possono verificarsi i classici sintomi del Parkinson come tremore, rigidità e difficoltà di deambulazione.

Mentre la malattia di Parkinson era considerata solo un disturbo motorio, gli esperti ora riconoscono che causa anche sintomi non motori come problemi di sonno e costipazione.

La cosa interessante è che questi sintomi possono effettivamente precedere i sintomi motori di molti anni, anche decenni.

Sintomi della malattia di Parkinson

I sintomi della malattia di Parkinson possono essere lievi all’inizio. In effetti, potrebbero persino passare inosservati. Ma alla fine, i sintomi peggiorano lentamente con il tempo.

I sintomi caratteristici del Parkinson includono:

Tremori: nel morbo di Parkinson, questo è spesso chiamato un “tremore che rotola la pillola” a causa del modo in cui appare – come se una persona stesse rotolando una pillola o un altro minuscolo oggetto tra il pollice e l’indice. È anche descritto come un tremore a riposo perché si verifica quando una parte del corpo (come, ma non solo, la mano) è rilassata e riposante.

Bradicinesia: questa è la ridotta capacità di movimento di una persona. Una persona può passare da difficoltà a usare le dita (ad esempio, aprire un barattolo o digitare) a difficoltà a usare le gambe, il che porta a un’andatura strascicata con brevi passi.

Rigidità: una persona con rigidità sperimenta rigidità muscolare e resistenza al rilassamento muscolare. Ad esempio, potrebbero non oscillare molto le braccia quando camminano. La rigidità può essere dolorosa e contribuire alla difficoltà di movimento.

Instabilità posturale: questo sintomo, definito come un senso di squilibrio quando ci si alza in piedi, di solito insorge più tardi nel corso della malattia di Parkinson.

Altri sintomi legati al motore possono includere riduzione delle palpebre, problemi di linguaggio e deglutizione e riduzione delle espressioni facciali.

I sintomi non motori del Parkinson, che stanno ricevendo una maggiore attenzione dalla ricerca, includono allucinazioni, disturbi dell’umore, problemi del sonno, problemi della pelle e disturbi sensoriali. I sintomi non motori sono spesso più debilitanti dei sintomi motori e spesso possono iniziare anni prima.

Non tutti sperimentano questi sintomi motori e non motori aggiuntivi del Parkinson nella stessa misura, se non del tutto.

Segni e sintomi della malattia di Parkinson

Cause

Sebbene la causa precisa della malattia di Parkinson di una persona sia ancora sconosciuta, gli esperti ritengono che derivi da una complessa interazione tra i geni di una persona e l’ambiente.

Esempi di trigger ambientali includono pesticidi e altre tossine (sebbene il loro ruolo sia lo sviluppo della malattia è considerata piccola).

Altri fattori di rischio per la malattia di Parkinson includono l’età avanzata (generalmente 60 anni e oltre) e il sesso. Gli uomini hanno maggiori probabilità di avere la malattia di Parkinson rispetto alle donne.

I ricercatori hanno anche scoperto che i cambiamenti si verificano nel cervello delle persone con malattia di Parkinson, anche se non è chiaro il motivo. Questi includono gruppi di cellule anormali chiamate corpi di Lewy e proteine ​​presenti in natura chiamate alfa-sinucleina che iniziano anche a raggrupparsi nelle persone con Parkinson.

Comprendendo il motivo per cui si verificano, gli scienziati potrebbero un giorno scoprire la causa alla base del morbo di Parkinson.

Cause e fattori di rischio della malattia di Parkinson

Diagnosi

La diagnosi del morbo di Parkinson richiede un’attenta e approfondita valutazione da parte di un medico, solitamente un neurologo. Faranno diverse domande sulla lentezza, come difficoltà con la scrittura a mano, trascinamento di una gamba e movimenti lenti, nonché su sonno, umore, memoria, problemi di deambulazione e cadute recenti. Eseguiranno anche un esame fisico per verificare i riflessi, la forza muscolare e l’equilibrio, ma cercheranno anche se i tuoi movimenti sono più lenti, rigidità nel tuo corpo, mascheramento del viso o tremore.

Esistono criteri specifici che i medici seguono per diagnosticare la malattia di Parkinson. Ad esempio, uno che supporta una diagnosi è una persona con sintomi simili al Parkinson che mostra un netto miglioramento dopo l’assunzione di levodopa (un farmaco comunemente usato nel trattamento del Parkinson) .

Mentre la diagnosi è semplice in alcune persone, può essere più difficile in altre, soprattutto perché ci sono altre condizioni di salute neurologiche che condividono sintomi simili con il morbo di Parkinson.

Non esiste un esame del sangue o un test di imaging cerebrale in grado di diagnosticare definitivamente il Parkinson, ma test, come una risonanza magnetica del cervello o una scansione DAT, che esamina la quantità di dopamina nel cervello. Se hai il morbo di Parkinson, una scansione DAT mostrerà una quantità inferiore di dopamina.

Trattamento

Non esiste una cura per la malattia di Parkinson, ma esistono numerosi trattamenti che possono alleviarne i sintomi. Decidere quando iniziare il trattamento farmacologico dipende in gran parte dalla gravità o dalla debilitazione di tali sintomi. Devono essere considerati anche gli effetti collaterali correlati di questi farmaci.

Tra i farmaci e le terapie comunemente prescritti: 

La carbidopa-levodopa è il trattamento principale per il morbo di Parkinson. La levodopa viene convertita in dopamina nel corpo, mentre la carbidopa aumenta la penetrazione della levodopa nel cervello

Gli agonisti della dopamina come Mirapex (pramipexolo) e Requip (ropinirolo) stimolano i recettori della dopamina e “ingannano” il cervello facendogli credere di avere più dopamina di quanta ne abbia. Gli agonisti della dopamina sono meno efficaci della levodopa e spesso vengono utilizzati in fasi iniziali della malattia prima che si sviluppino sintomi più gravi.

Gli inibitori della monoamino ossidasi-B (MAO-B) come Eledepryl (selegilina) e Azilect (rasagilina) inibiscono gli enzimi che inattivano la dopamina nel cervello. Come la dopamina, i farmaci MAO-B sono spesso usati nelle prime fasi della malattia, riservando la levodopa per un uso successivo

Gli inibitori delle COMT come Comtan (entacapone) e Tasmar (tolcapone) agiscono rafforzando gli effetti della levodopa nel cervello. Sono usati per le persone in cui gli effetti della levodopa stanno iniziando a diminuire

Symmetrel (amantadina) e Gocovri (amantadina a rilascio prolungato) sono farmaci antivirali utilizzati per il trattamento dei movimenti involontari (discinesia), ma possono anche essere utili per tremore, rigidità o lentezza.

Gli anticolinergici come Artane (trihexyphenidyl) e Cogentin (benztropine) sono prescritti per ridurre al minimo tremori e spasmi. Sebbene utili, sono usati con cautela per fornire possibili effetti collaterali (ad es. Confusione, declino cognitivo) .10

La stimolazione cerebrale profonda (DBS) prevede il posizionamento di elettrodi nelle parti profonde dei bersagli cerebrali e l’invio di impulsi elettrici al cervello per trattare la discinesia e altri sintomi quando i farmaci non sono più efficaci. La DBS non aiuta i sintomi non motori come ansia, depressione e cadute.

Nelle prime fasi della malattia di Parkinson, i farmaci potrebbero non essere necessari. Ritardando il trattamento fino al momento del bisogno, puoi preservare le tue opzioni di trattamento a lungo termine.

Sintomi non motori

I sintomi non motori del Parkinson, come disturbi del sonno, disfunzioni cognitive e cambiamenti dell’umore, vengono trattati individualmente. Poiché molti di questi sintomi sono causati o esacerbati dai farmaci usati per trattare il morbo di Parkinson, può essere sufficiente un semplice aggiustamento della dose.

Tra gli altri approcci di trattamento sintomatico:

Gli antidepressivi come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) possono giovare a chi soffre di depressione e ansia, disturbi comuni nelle persone con Parkinson.11

Le creme di corticosteroidi da banco delicate possono aiutare a migliorare i problemi della pelle causati dall’uso a lungo termine di determinati farmaci.

Farmaci antipsicotici come Clozaril (clozapina) e Nuplazid (pimavanserina) possono portare benefici alle persone con allucinazioni visive se un aggiustamento della dose non riesce a fornire sollievo.12

Le terapie riabilitative come la terapia del linguaggio, occupazionale e fisica sono comunemente utilizzate per migliorare la qualità della vita nelle persone con malattia di Parkinson.

Exelon (rivastigmina), un farmaco per il potenziamento cognitivo tipicamente prescritto come cerotto cutaneo, può aiutare le persone con demenza associata al Parkinson.13

Oltre agli interventi medici, scelte di vita positive possono migliorare il trattamento in corso. Ciò include l’esercizio di routine (per mantenere l’equilibrio e la mobilità), una buona alimentazione (per garantire energia e gestire gli effetti collaterali), una buona igiene del sonno (per superare l’insonnia) e la riduzione dello stress (per migliorare l’umore e sentirsi meglio con se stessi).

Care giver (colui che accudisce e si prende cura di un paziente affetto da questa patologia)

In qualità di care giver di una persona cara con la malattia di Parkinson, non è raro sentirsi impotenti, sopraffatti e spaventati dalla natura progressiva della malattia. Fortunatamente, con la giusta preparazione e le giuste risorse, tu e la persona amata non solo imparerete ad affrontare le sfide della vita, ma anche a prosperare.

Comincia da:

Educare te stesso: diventando informato su tutti gli aspetti della malattia, sarai meglio preparato quando sorgono complicazioni. Ciò include l’apprendimento dell’uso corretto dei farmaci; conoscere i segni e i sintomi della progressione della malattia e istruirsi sulle scelte di vita benefiche (inclusi dieta ed esercizio fisico).

Sii adattabile: sebbene sia importante mantenere una routine rigorosa con cose come i farmaci, dovresti anche ricordare che il Parkinson è una malattia caratterizzata dall’incertezza. Cerca di non stressarti se le attività quotidiane richiedono più tempo o se i piani vanno male a causa di un improvviso cambiamento dell’umore o della mobilità della persona amata. Mantenendo il senso dell’umorismo e semplicemente “rotolando con esso”, ti sentirai meno vittima delle circostanze.

Anticipare i sintomi: in qualità di caregiver principale del tuo caro, sei nella posizione migliore per notare cambiamenti improvvisi o sottili nel comportamento, nei sintomi, nelle capacità o negli stati d’animo. Segnalandoli al tuo medico, è possibile modificare i trattamenti o adottare misure di salvaguardia per proteggere la persona amata dai danni.

Cercare ausili di supporto: quando le capacità fisiche della persona amata iniziano a cambiare, è meglio introdurre ausili per la mobilità (come deambulatori e ascensori) e modifiche della stanza (come corrimano e vasche walk-in) prima che i limiti diventino profondi. Permette alla persona amata di adattarsi gradualmente a questi cambiamenti riducendo lo stress a cui tieni fisicamente.

Trova supporto. In qualità di caregiver a lungo termine, è importante raggiungere gli altri per il supporto di cui hai bisogno per rimanere in salute emotivamente. Ciò include amici, familiari e gruppi di supporto che possono fornirti uno spazio sicuro per esprimerti in modo aperto e onesto.

Se non sei in grado di farcela, non esitare a chiedere al tuo medico un rinvio a uno psicologo o psichiatra che può offrire consulenza o farmaci in corso se necessario. 

Un consiglio

La malattia di Parkinson è una malattia complessa che colpisce non solo il modo in cui una persona si muove, ma anche come si sente, dorme, si comporta e pensa. Per quanto difficile possa essere, con educazione e pazienza, puoi iniziare il processo di normalizzazione della malattia nella tua vita e mantenere una qualità di vita ottimale.

È importante ricordare che la malattia di Parkinson, come altre condizioni degenerative, colpisce l’intera famiglia. Lavorate insieme e siate pazienti l’uno con l’altro mentre vi adattate alla vita con il Parkinson. 

Fonti dell’articolo

https://www.verywellhealth.com/parkinsons-disease-overview-4014674

  1. ational Institute on Aging. Parkinson’s disease. May 16, 2017.
  2. Zach H, Dirkx M, Bloem BR, Helmich RC. The clinical evaluation of Parkinson’s tremorJ Parkinsons Dis. 2015;5(3):471-4. doi:10.3233/JPD-150650
  3. Kim SD, Allen NE, Canning CG, Fung VS. Postural instability in patients with Parkinson’s disease: epidemiology, pathophysiology and managementCNS Drugs. 2013;27(2):97-112. doi:10.1007/s40263-012-0012-3
  4. Xu L, Pu J. Alpha-synuclein in Parkinson’s disease: from pathogenetic dysfunction to potential clinical applicationParkinsons Dis. 2016;2016:1720621. doi:10.1155/2016/1720621
  5. Postuma RB, Berg D, Stern M, et al. MDS clinical diagnostic criteria for Parkinson’s diseaseMove Disord. 2015 Oct;30(12):1591-601. doi: 10.1002/mds.26424
  6. Reichmann H, Emre M. Optimizing levodopa therapy to treat wearing-off symptoms in Parkinson’s disease: focus on levodopa/carbidopa/entacaponeExpert Rev Neurother.2012;12(2):119-31. doi:10.1586/ern.11.203
  7. Borovac JA. Side effects of a dopamine agonist therapy for Parkinson’s disease: a mini-review of clinical pharmacologyYale J Biol Med. 2016;89(1):37-47.
  8. Riederer P, Laux G. MAO-inhibitors in Parkinson’s diseaseExp Neurobiol. 2011;20(1):1-17. doi:10.5607/en.2011.20.1.1
  9. Poewe W, Ebersbach G, Müller T. New developments for Parkinson’s therapy with COMT inhibitors.EMJ Neurol. 2017;5(Suppl 1):2-10.
  10. Starkstein SE. Anticholinergic activity and cognitive decline in Parkinson’s disease.J Neurol Neurosurg Psychiatry. 2010;81(2):129. doi:10.1136/jnnp.2009.194548
  11. Marsh L. Depression and Parkinson’s disease: current knowledgeCurr Neurol Neurosci Rep. 2013;13(12):409. doi:10.1007/s11910-013-0409-5
  12. Divac N, Stojanović R, Savić Vujović K, Medić B, Damjanović A, Prostran M. The efficacy and safety of antipsychotic medications in the treatment of psychosis in patients with Parkinson’s diseaseBehav Neurol.2016;2016:4938154. doi:10.1155/2016/4938154
  13. Sadowsky CH, Micca JL, Grossberg GT, Velting DM. Rivastigmine from capsules to patch: therapeutic advances in the management of Alzheimer’s disease and Parkinson’s disease dementiaPrim Care Companion CNS Disord. 2014;16(5):10.4088/PCC.14r01654. doi:10.4088/PCC.14r01654
  14. Sjödahl Hammarlund C, Westergren A, Åström I, Edberg AK, Hagell P. The impact of living with Parkinson’s disease: balancing within a web of needs and demandsParkinsons  2018;2018:4598651. doi:10.1155/2018/4598651

 

WhatsApp chat