Accreditati per aver causato riduzioni drastiche di malattie pericolose come il morbillo e la poliomielite, i vaccini sono ampiamente annunciati come uno dei più grandi successi nella salute pubblica nella storia moderna.

La vaccinazione allena il sistema immunitario del corpo per identificare e combattere malattie specifiche.

È un po ‘come preparare il tuo esercito prima che inizi una guerra.

Preparate i vostri soldati e insegnate loro a rilevare e eliminare i nemici prima che vedano mai un campo di battaglia.

Sembra semplice, ma in realtà è uno sforzo altamente complesso e coordinato dalle difese naturali del corpo.

Il sistema immunitario

Per capire come funzionano i vaccini, è utile fare un passo indietro e guardare il sistema immunitario del corpo umano.

Quando agenti patogeni come virus e batteri entrano nel nostro corpo, diventano offensivi.

Se non controllati, possono moltiplicarsi e diffondersi, causandoci spesso di ammalarci.

Il corpo umano ha diverse linee di difesa per aiutare a proteggersi dalle malattie e combattere le infezioni.

La nostra pelle, ad esempio, è la prima linea di difesa contro i germi.

In sostanza, è la nostra armatura, dedicata a impedire ai germi di entrare.

Tagli o graffi possono indebolire quell’armatura, permettendo agli invasori di trovare un modo per entrare, e anche le aperture naturali, come le nostre narici o la nostra bocca, possono essere porte.

Sostanze chimiche come la saliva in bocca o i succhi gastrici nello stomaco possono abbattere o uccidere i batteri, e le febbri sono il modo del corpo di aumentare la temperatura nella stanza nel tentativo di uccidere o indebolire gli invasori che sopravvivono solo in ambienti più freddi.

Quando si verifica un’infezione, il corpo inizia anche a produrre diversi tipi di globuli bianchi.

Queste cellule agiscono come soldati, coordinando gli attacchi all’invasore cercando obiettivi specifici noti come antigeni.

Gli antigeni

Un pezzo o sottoprodotto di un agente patogeno, ad esempio una proteina trovata sulla superficie di un virus, che il sistema immunitario cerca in caso di infezione.

I globuli bianchi e gli anticorpi annusano specifici antigeni e si agganciano, mettendo in moto un attacco per abbattere i microbi e impedire loro di moltiplicarsi.

Quando la battaglia è vinta e l’infezione è scomparsa, le cellule del nostro sistema immunitario ricordano cosa cercare nel caso in cui venga di nuovo in contatto con l’agente patogeno.

Sapere a quali antigeni il sistema immunitario rileva e risponde è fondamentale per sviluppare un vaccino efficace.

La Vaccinazione

I vaccini funzionano molto come un’infezione selvaggia.

In effetti, per le difese del nostro corpo, sembrano esattamente uguali.

I vaccini sono costituiti da antigeni uguali o simili agli antigeni presenti sui patogeni selvatici.

Quando questi antigeni del vaccino entrano nel corpo, scatenano lo stesso tipo di allarmi per creare lo stesso tipo di globuli bianchi e anticorpi necessari per cercare e distruggere un invasore.

Il corpo ricorda cosa cercare, quindi può mobilitarsi molto più velocemente se mai si imbatte di nuovo nell’invasore.

A differenza di un’infezione selvaggia, tuttavia, i vaccini non cercheranno di farti ammalare. Forniscono i benefici di un’infezione, cioè l’immunità, ma con un rischio significativamente inferiore, e questo è dovuto al modo in cui sono stati prodotti.

Tipi di vaccini

Tutti usano antigeni per aiutare a stimolare una risposta immunitaria, ma non tutti i vaccini sono fatti allo stesso modo.

Quali antigeni e quanti variano, a seconda del tipo di vaccino e della malattia contro cui è destinato

Vaccini vivi attenuati:

questi vaccini utilizzano un intero virus vivo che è stato “attenuato” o indebolito, in modo da renderlo praticamente innocuo per le persone con un sistema immunitario sano.

Perché è vivo, può replicarsi e diffondersi in tutto il corpo proprio come farebbe un virus selvaggio.

È la cosa più vicina a un’infezione naturale ed è quindi estremamente efficace nel provocare una forte risposta immunitaria.

Detto questo, le persone con un sistema immunitario indebolito, come i pazienti sottoposti a trapianto o sottoposti a trattamento antitumorale, non dovrebbero ricevere questo tipo di vaccini perché anche se sono stati indeboliti, il corpo potrebbe non essere in grado di combatterli. Esempi includono i vaccini MMR (morbillo, parotite e rosolia) e varicella (o “varicella”).

Vaccini inattivati:

simili ai vaccini vivi, i vaccini inattivati ​​utilizzano l’intero virus, solo che non sono vivi. Sono inattivati ​​- o “uccisi” – in laboratorio.

Poiché non possono replicarsi e diffondersi in tutto il corpo, sono spesso necessarie più dosi per ottenere lo stesso tipo di protezione stimolata dai vaccini vivi, e talvolta sono necessarie dosi di richiamo per mantenere l’immunità.

Esempi includono il vaccino contro la polio e molte formulazioni di vaccino contro l’influenza.

Vaccini subunità:

i vaccini subunità utilizzano solo antigeni selezionati, come un frammento di germe o un po ‘di proteine, per innescare una risposta immunitaria.

Poiché non usano l’intero virus o batteri, gli effetti collaterali non sono così comuni come con i vaccini vivi o inattivati, ma spesso sono necessarie dosi multiple per essere efficaci.

Gli esempi includono il componente pertosse (o “pertosse”) dei vaccini DTaP e Tdap.

Vaccini coniugati:

questi vaccini sono progettati per proteggere da un gruppo di batteri che hanno una sorta di rivestimento simile allo zucchero.

Durante un’infezione selvaggia, questo strato nasconde gli antigeni dal nostro sistema immunitario, quindi i vaccini coniugati legano gli antigeni al rivestimento in modo che le difese del corpo sappiano cosa cercare e siano migliori nel cercare e distruggere i batteri in caso di infezione.

Gli esempi includono il vaccino coniugato meningococcico, che può aiutare a proteggere da un batterio che può causare meningite.

Vaccini tossici:

a volte non è il batterio o il virus da cui hai bisogno di protezione, ma piuttosto una tossina che l’agente patogeno produce quando si trova all’interno del corpo.

Questi tipi di vaccini usano una versione indebolita della tossina, chiamata toxoid, per aiutare il corpo a imparare a riconoscere e combattere queste tossine prima che possano causare danni.

Esempi includono il componente tetano dei vaccini DTaP e Tdap.

Meccanismi di somministrazione

I vaccini sono progettati per essere somministrati in modi altamente specifici per garantire la massima efficacia e ridurre al minimo i danni.

Alcuni vaccini, ad esempio, devono essere iniettati nei muscoli con un angolo di 90 gradi, mentre altri devono essere somministrati con un angolo di 45 gradi nel tessuto adiposo tra i muscoli della pelle.

Per gli adulti, ciò potrebbe significare ricevere il tiro nel braccio, mentre i bambini spesso ricevono le iniezioni nei muscoli della coscia.

Alcuni vaccini non devono essere iniettati affatto; invece, devono essere somministrati per via nasale o per via orale e così via.

Come, quando e dove viene somministrato un vaccino è determinato da un’ampia ricerca, esperienza e rischi teorici.

Un vaccino contro una malattia diarroica, come il rotavirus, potrebbe essere somministrato per via orale, ad esempio, in modo da poter imitare più da vicino un’infezione naturale.

I vaccini somministrati in modo errato potrebbero comportare una minore efficacia o una maggiore probabilità di provocare effetti collaterali non necessari.

Va notato, tuttavia, che nessun vaccino viene mai somministrato per via endovenosa, cioè direttamente nel flusso sanguigno.

Test sui vaccini

Nonostante le storie di vaccini che possiamo vedere sui social media o miti che possiamo ascoltare dagli amici, i vaccini sono incredibilmente sicuri ed efficaci nella protezione dalle malattie.

Durante tutto il processo di sviluppo, ci sono più test che i candidati al vaccino devono superare prima di arrivare all’ufficio del medico o alla farmacia locale.

Prima di essere autorizzato dalla Food and Drug Administration negli Stati Uniti, i produttori devono dimostrare che il vaccino è sia efficace che sicuro per l’uomo.

Questo spesso richiede anni e significa essere prima testati in migliaia di volontari. Anche dopo l’approvazione del vaccino, i ricercatori continuano a monitorarne la sicurezza e l’efficacia.

Mentre arrossamenti, dolore, gonfiore e lievi sintomi sistemici locali come febbre, mal di testa e vertigini possono talvolta verificarsi a seguito di vaccini (alcuni più di altri), reazioni più gravi, come l’anafilassi, sono estremamente rare e si stima che si verifichino 1,35 volte l’una milioni di dosi somministrate.

Sebbene ci fosse un lieve aumento del rischio di sviluppare la sindrome di Guillain-Barre in seguito al vaccino contro l’influenza suina nel 1976, i vaccini antinfluenzali successivi, attentamente monitorati dal CDC ogni anno, non sono stati associati allo stesso grado di rischio.

Alcuni anni hanno mostrato un lieve aumento del rischio, stimato dal CDC di circa uno o due casi per milione di dosi di vaccino antinfluenzale somministrate.

Dopo che il vaccino è stato ufficialmente autorizzato, la ricerca viene quindi riesaminata dal Comitato consultivo per le pratiche di immunizzazione – un gruppo volontario di esperti di salute pubblica e medici – per determinare se è opportuno raccomandare la somministrazione del vaccino.

Queste raccomandazioni vengono aggiornate su base annuale e tengono conto di una vasta gamma di dati, tra cui la sicurezza e l’efficacia che il vaccino ha dimostrato di essere.

Se in qualsiasi momento i benefici del vaccino superano i rischi, il gruppo revoca la sua raccomandazione e il vaccino viene in genere ritirato dal mercato. Per fortuna, questo è molto raro.

Il processo è estremamente rigoroso. Questo perché a differenza di molti farmaci, i vaccini non sono in genere progettati per curare qualcuno che è già malato. Sono progettati per proteggere la tua salute prevenendo in primo luogo le malattie.

Di conseguenza, i vaccini sono tenuti a un livello di sicurezza più elevato rispetto a molti altri prodotti medici sul mercato, compresi gli integratori alimentari

Immunità di gregge

La vaccinazione potrebbe essere un’attività individuale, ma i suoi benefici – e in definitiva, il suo successo – sono comuni.

Più persone vengono vaccinate in una determinata comunità, meno persone sono suscettibili alle infezioni e quindi diffondono le malattie. Molti germi hanno bisogno dell’uomo per sopravvivere.

Ma se un numero sufficiente di persone in una comunità viene vaccinato, quei germi non hanno nessun posto dove andare e, quindi, muoiono.

È così che, come specie, abbiamo sradicato il vaiolo, non necessariamente vaccinando singoli individui, ma assicurando che   lo fossero intere comunità.

Alcune persone non creano, o non possono, una risposta immunitaria anche dopo aver ricevuto un vaccino.

Altri sono troppo giovani o troppo malati per essere vaccinati in primo luogo.

Queste persone non possono proteggersi da determinate infezioni, ma ciò non significa che la vaccinazione non possa aiutare a proteggerle.

Assicurandosi che tutti coloro che possono essere vaccinati in modo sicuro vengano vaccinati, una comunità può formare una sorta di barriera contro le malattie che mantengono al sicuro le persone vulnerabili.

Mitigazione del danno

Anche se una persona viene vaccinata, ciò non significa che siano immuni o completamente protetti in caso di epidemia.

Sebbene alcuni si avvicinino molto, non tutti i vaccini sono efficaci al 100%.

Questo perché la medicina non ha una taglia unica.

La vaccinazione aiuta a preparare il corpo con i globuli bianchi e gli anticorpi appropriati, ma non garantisce necessariamente l’immunità per tutta la vita.

Queste difese possono svanire o essere meno efficaci nel tempo senza l’aiuto di dosi di richiamo.

La buona notizia, tuttavia, è che, poiché i soldati sono già in atto, se ti ammali di una malattia contro cui sei stato vaccinato, la malattia sarà probabilmente più breve e meno grave che se non fossi stato vaccinato.

 

Fonti dell'articolo

articolo tradotto dal sito https://www.verywellhealth.com/how-do-vaccines-work-4153906

By Robyn Correll, MPH Medically reviewed by Caitilin Kelly, MD  on March 04, 2020

Verywell Health utilizza solo fonti di alta qualità, compresi studi peer-reviewed, per supportare i fatti all’interno degli articoli.

Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Capire come funzionano i vaccini. Aggiornato luglio 2018.

Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Test del vaccino e processo di approvazione. Aggiornato il 1 maggio 2014.

McNeil MM, Weintraub ES, Duffy J, et al. Rischio di anafilassi dopo la vaccinazione in bambini e adulti. J Allergy Clin Immunol. 2016; 137 (3): 868-878. doi: 10.1016 / j.jaci.2015.07.048

Kim TH, Johnstone J, Loeb M. Vaccine herd effect. Scand J Infect Dis. 2011; 43 (9): 683-689. DOI: 10,3109 / 00365548.2011.582247